Categoria: Autismo e Sport

Autismo e Sport

“E’ necessario saper trasferire la propria esperienza sportiva e umana agli altri utilizzando passione, amore, competenza, cercando le risorse nascoste negli individui, agendo sulle leve emotive e motivazionali, spronandoli al superamento delle paure, al rafforzamento dell’autostima al fine di sentirsi persona capace.”

Massimo Magnocavallo

Triatleta

Andrea è un ragazzo autistico di 19 anni. L’estate scorsa (2012) a Jesolo abbiamo passato 7 giorni insieme, 24 ore su 24 praticando vari sport: canoa, corsa, nuoto, tennis, bici, arrampicata. Ho presentato e condiviso con i suoi genitori il mio progetto, coinvolgendoli in alcune attività sportive.

Andrea oggi ama lo sport, fa due allenamenti alla settimana in canoa e va a correre. Prima di questa esperienza non aveva mai praticato attività sportiva. Andrea ha comunicato con me dicendomi due frasi:

  1. “Massimo, dì a papà Franco che Andrea vuole comunicare”
  2. “Massimo, andiamo a dormire in macchina”

Il 9 e 10 marzo 2013 ho organizzato con Andrea, la mamma Bianca e la zia Wilma una ciaspolata ai Piani di Bobbio (LC), per permettere ad Andrea di condividere con noi una nuova esperienza in montagna sulla base della precedente nelle Dolomiti con la salita della ferrata Tridentina.

La sua gioia, la libertà di sentirsi in armonia con il suo corpo e con la sua mente è nettamente visibile nel video clip.

Guarda il video

Sono convinto che Andrea ha sentito una forte spinta motivazionale verso la vita nel visionare i miei filmati sportivi dove c’erano sofferenza, amore, gioia, condivisione di forti emozioni.

Ha superato le sue paure avendo la certezza di avere in me un punto di riferimento sicuro che lo  ha accompagnato verso l’esterno osando, provando, mettendosi in discussione.

Il motore è stata la motivazione e la relazione forte tra noi. Si è costruito insieme l’obiettivo che è stato condiviso. La certezza di potercela fare.

È difficile per un motivatore nell’ambito sportivo insegnare agli altri qualcosa se prima non l’ha sperimentata su se stesso e non ha raschiato il fondo della sua anima.

Un corpo reagisce e si fa sentire se il ragazzo si impegna a credere nelle proprie piccole o grandi capacità, sentendo che può farcela… come ha fatto Andrea!

Massimo Magnocavallo

Triatleta

No Comments

Post a Comment

Chiama subito