QUARTA RISTAMPA

L'Essenza del Coaching
di A. Pannitti e F. Rossi
Editore: Franco Angeli

L'Essenza del Coaching

Recensione

Famiglia Oggi N.4/2012


Presentato all'Università
"La Sapienza" - Roma


Il libro presenta in modo completo il coaching nella sua vera essenza. Punto di riferimento è il metodo che viene insegnato nelle università anglosassoni, come quella di Sidney, la prima università al mondo a inserire il coaching tra le materie accademiche.


NOVITÀ EDITORIALE

Spiritualità cristiana e Coaching
La relazione facilitante di Gesù

di N. Brescianini e A. Pannitti
Editore: La Parola


Spiritualità cristiana e Coaching

Un coinvolgente dialogo tra un Coach professionista che si interessa di spiritualità e un monaco benedettino appassionato di Coaching.


NOVITÀ EDITORIALE

Tappo a chi?!!
E se la tua crisi fosse un'opportunità?

di C. Lacchio e F. Rossi
Editore: Franco Angeli


Tappo a Chi?

“Tappo a chi?!!” è una favola motivazionale. Il tema centrale della storia narrata - con estrema delicatezza e creatività - è il cambiamento, fatto di paure, rabbia, preoccupazione, ma anche di possibili opportunità e di nuove prospettive per migliorare il proprio benessere e raggiungere la felicità.

Pensiero laterale: Coaching e creatività



mercoledì, gennaio 25th, 2017 | articolo di: stella - pubblicato in: Articoli & Media
Info utili per te
Se la tua azienda è in fase difficile o di transizione, se la tua professione non è più quella di una volta... contatta il tuo Business Coach! Clicca qui

Quante volte durante la nostra vita ci siamo trovati in quello che chiamiamo “un momento di crisi  ovvero in quella che nel Coaching può essere definita una “crisi di autogoverno”.

Questa di solito è determinata da una specie di “loop” mentale, un vero e proprio circolo vizioso caratterizzato da un pensiero statico, ripetitivo, uguale a se stesso, che continua a vedere e affrontare la situazione da un unico punto di vista.

Edward de Bono (psicologo maltese, massimo esponente della ricerca del pensiero creativo) afferma che sia possibile imparare a pensare in modo diverso, grazie alla capacità umana del cosiddetto “pensiero laterale”. Ma cosa significa esattamente?

Il pensiero laterale: oltre i confini prestabiliti

Il pensiero laterale è di natura intuitiva e si pone quindi come una vera e propria alternativa al “pensiero verticale”, ovvero quella tipologia di pensiero logica e consequenziale condizionata, che a volte ci rende “ingabbiati” e limitati nel nostro modo di vedere, interpretare e di conseguenza interagire con la realtà che ci circonda.

Via via che passa il tempo i nostri pensieri, come le nostre convinzioni si fanno sempre più radicate e ferme, rigide e sedimentate.

pensiero-laterale-e-coaching

A cosa serve il pensiero laterale?

Il pensiero laterale assume la funzione di potenziale “scardinatore” delle convinzioni e logiche ormai date per scontate, che possono rendere difficile per le persone trovare una soluzione o anche solo un cambio di prospettiva del problema stesso.

In tutto questo anche la creatività, secondo de Bono, ricopre un ruolo chiave, ovvero quello di catalizzatrice di intuizioni (insights), permette cioè di affrontare le situazioni creando nuovi percorsi di pensiero.

Il pensiero verticale: una logica utile

Il pensiero verticale, ovvero il pensiero logico consequenziale, è comunque utile, ma raggiunge la sua efficacia se in abbinamento al pensiero laterale, che sa espandersi oltre i suoi limiti e confini, cercando ulteriori soluzioni al di fuori di esso. Il pensiero verticale ci aiuta nella risoluzione di un problema in maniera diretta rifacendosi all’esperienza e alle competenze acquisite. Il pensiero laterale invece fa un uso differente delle informazioni disponibili.

Non sempre il pensiero logico ci porta alla soluzione però, alle volte si può bloccare, inceppare e quando torna indietro, tende a ripercorrere gli stessi passi, quelli delle informazioni e delle esperienze pregresse, formando così dei “solchi neuronali” sempre più rigidi e schematici. Proprio a questo punto la tentazione di mollare è forte e ci diciamo: “è impossibile trovare una soluzione!”.

Il Coaching per pensare fuori dagli schemi

Qui entra in gioco il pensiero laterale e il Coaching, che facilita e allena questo modo di vedere ed interagire con le cose.

Il pensiero laterale necessita principalmente di:

  1. sospendere il giudizio
  2. contemplare l’errore come fonte di feedback e come risorsa.

Il Coach diventa così un vero e proprio stimolatore del pensiero laterale, grazie alla sua capacità di porre domande efficaci che facciano riesplorare e rielaborare al Coachee i dati raccolti. Il Coaching può contribuire ad allenare e utilizzare una capacità di “pensare fuori dagli schemi” per evitare di bloccarsi in vicoli di pensiero senza uscita.

Le tecniche che il Coach può utilizzare sono diverse, e tra queste citiamo per esempio:

  1. esplorazione
  2. distinzione
  3. rilevazione
  4. focalizzazione
  5. ridefinizione
  6. brainstorming
  7. connessione
  8. pensiero opposto
  9. catastrofizzazione
  10. ecc…

Importante sottolineare che in ogni caso il pensiero laterale non elimina, ma si pone come complementare al pensiero verticale.

Vuoi imparare a mettere in pratica le tecniche del Coaching? Informati sui nostri prossimi corsi di Professional Coaching Program.

Concedersi il permesso di sbagliare

L’errore diventa così una fonte inesauribile di scoperta, origine di nuove idee, nuovi spazi, una vera e propria risorsa. Concedersi il permesso di sbagliare nella ricerca di nuove soluzioni, può condurci in luoghi del pensiero ancora inesplorati e ricchi di creatività e alternative efficaci per affrontare i nostri “momenti di crisi”.

Potrebbe interessarti anche Come Cambiare le Convinzioni Limitanti





Tags: , , ,

mercoledì, gennaio 25th, 2017 at 12:51 • Articoli & MediaCommenta

One Response to “Pensiero laterale: Coaching e creatività”

  1. ALICIA scrive:

    Buongiorno, vorrei ringraziare per l’articolo in cui si compara coaching e counseling perchè in modo puntuale e passo passo sono state evidenziate le analogie e soprattutto le differenze di metodo.

Commenta