Categoria: Giornale di bordo dell’Allenatore-Coach [4]

Categoria: Giornale di bordo dell’Allenatore-Coach [4]

Giornale di bordo dell’Allenatore-Coach [4]

Così come fece nella famosa serie TV Star Trek  il capitano dell’USS Enterprise NCC-1701 James Tiberius Kirk, nel suo “Giornale di Bordo” Luciano Sabbatini – allenatore di volley e coach professionista – racconta la sua esperienza ventennale di Allenatore-Coach… Buona lettura!

_________________________________________________

 

[ Giornale di bordo 4 ]

Verso la squadra ideale

Siamo all’inizio della stagione agonistica, voglio che le atlete definiscano la squadra che vorranno essere, il modello a cui ispirarsi. È ovvio che questa squadra “ideale” debba essere la loro, non la mia: deve nascere dalle loro menti e rappresentarle pienamente.

Brevemente introduco dei criteri per poter pensare e costruire la loro “squadra ideale” e invito le atlete a rispondere a queste domande:

  • Il Sogno: cosa si sogna in una squadra Ideale?
  • L’Identità: che tipo di Identità ha una squadra Ideale?
  • I Valori: quali Valori vive e mostra agli altri?
  • Le Convinzioni: che Convinzioni possiede?
  • Le Azioni: come si Agisce in una squadra Ideale?

 

Dopo questa “costruzione” riformulo le domande cercando di identificare questa volta la squadra NON Ideale, il suo opposto, secondo gli stessi criteri:

  • Il Sogno: cosa si sogna in una squadra NON Ideale?
  • L’Identità: che tipo di Identità ha una squadra NON Ideale?
  • I Valori: quali Valori NON possiede?
  • Le Convinzioni: che Convinzioni assume la squadra NON Ideale?
  • Le Azioni: come si Agisce in una squadra NON Ideale?

 

A questo punto abbiamo le due posizioni estreme, la squadra Ideale e quella NON Ideale e le domande continuano:

  • Dove vi sentite ORA, nei singoli criteri (Sogno, Identità, Valori, Convinzioni, Azioni) come squadra rispetto ai due estremi?

 

Queste risposte danno informazioni molto interessanti:

  • Sapere come è una squadra NON Ideale, ciò ci permette di allontanarci da questo modo di pensare e di essere.
  • Percepire com’è la squadra nel momento attuale, nel suo “Adesso”.
  • Guidare, darci la direzione, criterio per criterio, dove lavorare per migliorare e crescere.

 

Questo strumento è stato molto significativo e di grande aiuto. Mi sono anche meravigliato della profondità e della acutezza delle risposte da parte di ragazze molto giovani (16-17 anni).

A tutt’oggi lo considero uno degli strumenti più potenti nella fase 0 di costruzione della squadra.

Stiamo procedendo, la direzione del lavoro è quella giusta…

 

[to be continued]

 

Luciano Sabbatini
Mental Coach
Referente settore sportivo di INCOACHING®

 

[Foto copertina: Azione di gioco Pieralisi Volley Pan B1]

No Comments

Post a Comment

Chiama subito